Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food


« Torna alla mappa dei Presìdi

 

Antiche varietà di riso del lago Alaotra

Madagascar

I contadini malgasci mangiano riso tre volte al giorno: bollito e servito con kitoza (striscioline di carne secca saltate in padella) per colazione (vary sosoa), cotto in una zuppa di erbe selvatiche a pranzo (vary amin'anana) e infine, per cena, accompagnato da pollo bollito, uova fritte, lenticchie o foglie di cassava pestate. Il tutto viene accompagnato con ranon'apango, ovvero, con l'acqua di cottura del riso. Questo cereale - che copre circa il 70% del loro fabbisogno di calorie quotidiano - rappresenta l'alimento principale e racchiude importanti significati religiosi e rituali.
Tra le varietà del Madagascar ce n'è una, di colore rosa, che sul mercato locale si vende più facilmente delle altre. Chiamata vary dista o vary mavokely nel dialetto locale, si tratta di un probabile incrocio tra la varietà Japonica bianca della specie Oryza sativa (introdotte dagli Indonesiani che colonizzarono l'isola a partire dall'anno Mille) e varietà selvatiche e rosse dell'isola. Il risultato è un riso metà asiatico e metà africano, con sfumature rosate, un retrogusto dolce e un sapore particolare, caratterizzato da note intense di nocciola. Ricca di vitamine, la varietà dista è tradizionalmente messa da parte dalle donne malgasce e riservata all'alimentazione degli anziani, dei bambini e dei malati.
Il riso dista viene coltivato nei comuni di Amparafaravola e Sahamamy, che si trovano nella provincia di Toamasina (Nordest del Paese), nei pressi del lago di Alaotra. L'area, da sempre considerata il granaio del paese per via della fertilità delle sue terre, subisce da anni gli effetti della deforestazione. La continua ricerca di terre coltivabili ottenute ricorrendo alla tecnica del tavy (pratica rudimentale di fertilizzazione del suolo che consiste nel taglio e nell'incendio della vegetazione), ha messo in serio pericolo la biodiversità nell'intera regione. Il Madagascar è uno dei centri mondiali più importanti per la ricchezza di biodiversità (la fauna e la flora sono uniche al 90%) e, per questo, sono molti i gruppi ambientalisti impegnati a tutelare l'ecosistema dell'isola dall'impatto della deforestazione e del sistema "taglia e brucia".
Il Sistema di risicoltura intensivo (Sri) è una delle alternative sostenibili al sistema tavy. Il ricorso a questa tecnica innovativa permette di ottenere una resa elevata (dalle 4 alle 8 tonnellate per ettaro). L'uso più razionale delle risorse che ne consegue, assicura ai contadini di abbattere i costi di produzione e di migliorare il loro tenore di vita. La buona resa del vary dista, sia in paddy che in fase di lavorazione, unita alla tecnica del Sri, consente notevoli aumenti di produttività, limitando enormemente l'impatto della risicoltura sull'ecosistema.

La varietà dista è unica, per la resa elevata, le eccellenti qualità organolettiche, il basso tasso di scarto e il bel colore rosa. Inoltre, la sua fioritura avviene una settimana in ritardo rispetto alle altre e la sua ibridazione è pressoché impossibile. Sul mercato locale è diventata sempre più ricercata - al pari del riso bianco autoctono o importato - e oggi costituisce una risorsa importante per i risicoltori dell'isola. Il Presidio unisce un approccio innovativo alla coltivazione, alla promozione di una varietà di riso introdotta mille anni fa sull'isola, ma riscoperta solo in tempi recenti. Il progetto è nato in collaborazione con la cooperativa Koloharena Ivolamiharina, che rappresenta circa duecento produttori nei comuni di Amparfaravola Sahamamy.
Il Presidio ha comprato l'attrezzatura per la trebbiatura, la decorticazione e il packaging. L'obiettivo è di aiutare i contadini malgasci a migliorare la qualità del prodotto finale, consentendo loro di vendere un riso adatto a reggere la concorrenza con i prodotti importati.

Area di produzione
Comuni di Amparafaravola e Sahamamy, provincia di Toamasina, regione di Alaotra
200 produttori riuniti nella cooperativa Koloharena Ivolamiharina

Koloharena Ivolamiharina
Amparafaravola
Tel. +261 331246557
cnkhvanona@yahoo.fr

Referente del Presidio
Jules Randrianarivelo
Tel.
+261 331246557
cnkhvanona@yahoo.fr

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab