Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food in Italia


« Torna alla mappa dei Presìdi italiani

 

Fico mandorlato di San Michele Salentino

Puglia

l paesaggio agricolo storico dell’Alto Salento è costituito da colture promiscue, dove olivi secolari si alternano ad alberi di mandorle e fichi, albicocche e vigneti. Un solo ettaro e mezzo di queste coltivazioni variegate era più che sufficiente in passato alle famiglie per vivere dignitosamente. In particolare, il territorio tra San Vito dei Normanni e Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, storicamente è uno dei luoghi di maggiore produzione di mandorle e fichi della Puglia; queste campagne vantavano decine di cultivar di mandorle e di fichi, e con questi frutti, si preparava un dolce tradizionale: il fico mandorlato.
La tradizione dell'essiccazione dei fichi è tipica di tutto il sud Italia ed era praticata soprattutto dalle famiglie contadine. Ma l'idea di arricchire i fichi essiccati, aggiungendo la mandorla, nasce in questo territorio. San Michele Salentino è una località che fino a non molto tempo faceva parte dei comuni di San Vito dei Normanni e Ceglie Messapica. Qui le famiglie contadine iniziarono ad utilizzare entrambi i frutti per rendere un dolce molto semplice e povero, più complesso e ricco.
La preparazione avviene raccogliendo a scalare i fichi in via di maturazione: si utilizzano solo i bianchi della varietà Dottato che vengono aperti a metà, appiattiti, e lasciati essiccare su graticci di canne (sciaje) al sole per una settimana. Una volta raggiunto il giusto grado di essiccazione, si pone dentro il fico aperto una mandorla intera tostata e non pelata in ogni metà (l'amaro della pellicina fa da contrasto con la dolcezza del fico e ne fa apprezzare di più il sapore). Le mandorle appartengono a una grande varietà di cultivar locali, tra le quali si ricordano: Riviezzo (Cegliese), Bottari (il nome locale della Genco), Sciacallo, Tondina, Sepp d’Amic.
Si unisce, quindi, una scorzetta di limone e qualche seme di finocchietto selvatico. Si sovrappone il fico ad un altro fico e si chiude: si infornano quindi a temperatura medio-bassa per circa un’ora. Una volta tolti dal forno, i fichi sono controllati uno ad uno, e si scartano quelli troppo cotti. La preparazione dei fichi mandorlati comincia alla fine di agosto e prosegue fino alla fine di settembre.
Questo dolce tipicamente invernale si trova a San Michele Salentino, a San Vito dei Normanni e a Ceglie Messapica. Una curiosità: la popolazione locale della varietà di fico Dottato viene chiamata Narduleja dal nome di Leonardo Leo, un compositore del '700 di San Vito dei Normanni noto per la dolcezza delle sue composizioni.

Stagionalità

La preparazione del fico mandorlato avviene da agosto a fine settembre. Il dolce è reperibile tutto l’anno.

Nel corso degli anni nell’alto Salento sono stati espiantati molti alberi di fico per ampliare gli uliveti e i vigneti la cui coltivazione è stata, per un certo periodo, molto remunerativa. Espianti che hanno messo a rischio la sopravvivenza dello splendido paesaggio rurale. L’aumento della produzione di olio e vino degli ultimi anni però, ha inflazionato il mercato creando una crisi da sovrapproduzione. I prezzi dell'olio e del vino si sono abbassati e gli agricoltori stanno pian piano differenziando nuovamente le loro produzioni, cercando di recuperare le coltivazioni storiche di inizio Novecento.
Con la nascita del Presidio, che riunisce quattro coltivatori e produttori di fichi mandorlati, Slow Food vuole tutelare, oltre all’antico dolce tradizionale di San Michele Salentino, la biodiversità agricola di queste campagne e lo straordinario paesaggio rurale di questo territorio.

Area di produzione San Michele Salentino e comuni limitrofi (provincia di Brindisi)

Presidio sostenuto da
Regione Puglia Assessorato Risorse Agrolimentari.
Livia Argese
San Michele Salentino (Br)
Via Pio La Torre, 9
Tel. 0831 964143 -339 8088250
livia.argese@virgilio.it

Domenico Nigro
San Michele Salentino (Br)
Contrada Coltura
Tel. 0831 964736- 333 3182843

San Giacomo
di Elio Barletta
San Michele Salentino (Br)
Via Vittorio Veneto, 112
Tel. 0831 964969 -338 3047251
info@feudosangiacomo.it
www.feudosangiacomo.it

Cooperativa Agricola San Michelana
San Michele Salentino (Br)
Via Vittorio Emanuele III, 24
Tel. 0831 095062 - 333 3976035
allegrinig@libero.it
Referente dei produttori del Presidio
Pierangelo Argentieri
tel. 335 7317047
info@tenutamoreno.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Felice Suma
tel. 368 7082902
biofelix@libero.it

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Alleanza dei cuochi italiani con i Presidi Slow Food Bonaventura Maschio obikà Fabbrica di Pedavena RossoPomodoro Ferrari Formaggi petra
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab