Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food in Italia


« Torna alla mappa dei Presìdi italiani

Lenticchia di Ustica - Presì Slow Food
 

Lenticchia di Ustica

Sicilia

Su una piccola isola siciliana crescono le lenticchie più piccole d’Italia. Di colore marrone scuro con sfumature delicate verdoline, sono coltivate da sempre sui terreni lavici e fertili di Ustica e da sempre la tecnica è completamente manuale. Si seminano a gennaio e si raccolgono nella prima metà di giugno. Le tecniche di coltivazione sono fatte nel rispetto dell’ambiente e della natura, difatti non si utilizzano né concimi, né erbicidi di sorta: le erbette infestanti si tolgono con una zappetta.
Le piantine si lasciano seccare nel campo, si sradicano e si fanno tanti covoni che vengono sistemati nell’aia e battuti. La spagliatura, in passato, si faceva ancora come mille anni or sono: le piantine si calpestavano trascinando grosse pietre con gli asini e, con un tridente, si lanciavano in aria in modo che il vento di Ustica separasse la paglia dalle lenticchie. Con la nascita del Presidio è stata introdotta sull’isola la trebbia che rende l’operazione un po’ meno suggestiva, ma molto più comoda e funzionale: in pratica si svolge in poche ore lo stesso lavoro che prima impegnava una famiglia per due intere giornate. Cibo povero per eccellenza, le lenticchie di Ustica sono un ingrediente fondamentale della cucina locale. Le due ricette classiche sono la zuppa, arricchita con le verdure locali e profumata con basilico o finocchietto selvatico, e pasta e lenticchie, preparata con gli spaghetti spezzati. Tenere e saporite, sono un cibo facile da cucinare: non hanno bisogno di ammollo e cuociono in appena tre quarti d’ora.



Stagionalità

Le lenticchie si raccolgono nel mese di giugno, il prodotto essiccato può essere reperito tutto l’anno.
Alla nascita del Presidio i produttori erano solo in tre, riuniti in un comitato, ma le lenticchie di Ustica hanno iniziato a uscire, se pur timidamente, dalla loro isola e le quantità – nei limiti del possibile – sono aumentate: un piccolo passo avanti con risvolti importanti anche dal punto di vista ambientale, infatti sono stati recuperati e coltivati a lenticchie molti terreni prima abbandonati, ad oggi infatti i coltivatori di tale legume sono raddoppiati passando da tre a sei.

Area di produzione
Isola di Ustica (provincia di Palermo).

Presidio sostenuto da
Regione Siciliana Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste

Giuseppe Mancuso
Ustica (Pa)
contrada Tramontana
tel. 091 8449385
338 3887072
agriturismopagliuzzo@libero.it

Stefania Masia
Ustica (Pa)
contrada Spalmatore
tel. 339 2749073

Pasquale Palmisano
Ustica (Pa)
contrada Tramontana
tel. 333 9768448
palmisano18@libero.it

U' Scarpone
di Giovanni Palmisano
Ustica (Pa)
via S. Bartolomeo, 10
tel. 091 8449106
333 6788695

Agriturismo Hibiscus
di Margherita Longo
Ustica (Pa)
contrada Tramontana
tel. 091 8449543
339 5212822
tramontana78@hotmail.com
info@agriturismohibiscus.com
www.agriturismohibiscus.com

Referente dei produttori del Presidio
Margherita Longo
tel. 091 8449543 - 339 5212822
tramontana78@hotmail.com

Responsabile Slow Food del Presidio
Marta Lo Sicco
tel. 091 362986 - 339 2530638
martalosicco@libero.it|

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Alleanza dei cuochi italiani con i Presidi Slow Food Bonaventura Maschio obikà Fabbrica di Pedavena RossoPomodoro Ferrari Formaggi petra
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab