Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food in Italia


« Torna alla mappa dei Presìdi italiani

Agnello d'Alpago - Presì Slow Food
 

Agnello d'Alpago

Veneto

A metà strada tra Cortina d’Ampezzo e Venezia, a pochi chilometri da Belluno, la conca dell’Alpago è da sempre un luogo ideale per la pastorizia, attività principale nei comuni di Chies, Pieve, Tambre, Farra e Puos fino al secondo dopoguerra. E l’Alpago ha dato il nome a una razza ovina autoctona di taglia medio-piccola, dalla curiosa maculatura scura sulla testa e sulla parte inferiore degli arti, dal mantello folto, fine e ondulato che la ricopre totalmente, dal ginocchio e dal garretto fino alla regione frontale. Senza corna, con orecchie corte e profilo leggermente montonino, è una razza rustica, adatta all’ambiente alpino, ma altrettanto idonea all’allevamento in stalla. Come la maggior parte delle razze autoctone, si è drasticamente ridotta nel secolo scorso: oggi sono presenti in zona circa 2000 capi, una leggera ripresa rispetto ai primi anni Novanta, quando la Comunità Europea la inserì tra le specie locali minacciate di estinzione. Considerata ovino a triplice attitudine, cioè valida sia per la carne sia per la produzione di latte e di lana, oggi l’alpagota è allevata quasi esclusivamente per l’ottima carne: saporita, tenera e compatta allo stesso tempo, può reggere il confronto con i più celebri pre-salé d’oltralpe. Gli agnelli migliori sono quelli macellati a 55, 65 giorni dalla nascita e con un peso da vivi di 18, 25 chilogrammi.
L’agnello d’Alpago ha una carne tenerissima, che si sfalda in bocca, un giusto equilibrio di grasso-magro, sensazioni che non sanno mai di selvatico, al limite di erbe aromatiche.
È perfetto anche in abbinamento ai piatti poveri della tradizione locale come la patora, zuppa di mais e legumi, oppure la bagozia, una sorta di polenta fatta con patate, mais, legumi e anche salame e pancetta.

Stagionalità

La carne di agnello può essere reperita durante l’anno a seconda dei cicli riproduttivi della razza e in particolare, tra dicembre e aprile.

Un disciplinare, sottoscritto dagli allevatori dell’Alpago riuniti nell’associazione Fardjma, Presidio Slow Food, si propone di tracciare alcune linee guida fondamentali per allevare l’agnello in modo da ottenere carni di alta qualità. Come sempre, l’alimentazione naturale è indispensabile per ottenere carni eccellenti: allevamento allo stato brado, con alimentazione a base di foraggio di prato, oppure semibrado con l’integrazione di fieno prodotto in loco e sfarinati di cereali. L’uso dell’ ovile è permesso solo a condizione di garantire il benessere degli animali e un accrescimento sano ed equilibrato. Il Presidio ha registrato un marchio proprio, “Agnello d’Alpago”, e garantisce la completa tracciabilità del prodotto: l’etichetta apposta sulle carni riporta il marchio, il nome e l’indirizzo dell’allevatore e i codici del macello e dell’allevamento. Recentemente la Comunità Montana dell’Alpago ha avviato anche una produzione di filati di ottima qualità per la produzione di capi di abbigliamento e di oggetti in feltro (cappelli, pantofole, borse).


Area di produzione
Chies d’Alpago, Farra d’Alpago, Pieve d’Alpago, Puos d’Alpago, Tambre (provincia di Belluno).

Presidio sostenuto da
Regione Veneto, Comunità Montana dell’Alpago








Gli allevatori appartengono alla società agricola cooperativa:

Fardjma
Tambre (Bl)
Via Pianon, 7
Tel. 334 6006857
zack2036@alice.it

Gli allevatori del Presidio sono:
Lorenzo Bona a Tambre (Bl),Paolo Casagrande a Chies d'Alpago (Bl), Adriano Dal Mas a Limana (Bl), Silvano Dal Paos a Farra d'Alpago (Bl), Nadia Dei Tos a Farra d'Alpago (Bl),Dario De Pra a Farra d'Alpago (Bl), Alessandro Fullin a Tambre (Bl), Attilio Fullin a Tambre (Bl), Alex Gava a Tambre (Bl),Andreina Paulon a Farra d'Alpago (Bl), Mirella Paulon a Farra d'Alpago (Bl), Franco Pianon a Tambre (Bl), Massimo Slaviero a Tambre (Bl), Luca Soccal a Pieve d'Alpago (Bl), Pierluigi Pedol a Chies d'Alpago (Bl), Zaccaria Tona a Chies d'Alpago (Bl), Mirella Zangrando a Puos d'Alpago (Bl)

Macellerie e negozi autorizzati

Macelleria Gianni De March
Tambre (Bl)
Via Cal de Vecia, 5
Tel. 0437 49112

La Cooperativa di Lamosano
Lamosano (Bl)
Via della Conciliazione, 161
Tel. e fax 0437 40143
lamosanocoop@libero.it
Presso la cooperativa di Lamosano è possibile acquistare la carne degli agnelli ma anche articoli di abbigliamento (coperte, plaid, cappelli e pantofole in lana cotta, tabarri) di lana alpagota.

Ristoranti e agriturismi che propongono carni di agnello alpagoto

Ristorante San Martino
Chies d'Alpago (Bl)
Via Don Ermolao Barattin, 23
Tel. 0437 40111
Il ristorante San Martino propone le carni d'agnello Alpagoto provenienti dall'allevamento gestito dal nipote Pierluigi Pedol

Agriturismo
La Sghirata di Luca Soccal
Pois di Pieve d'Alpago (Bl)
Via Dolada, 66
Tel. 328 8345639
info@lasghirata.it
Referente dei produttori del Presidio
Zaccaria Tona
Tel. 334 6006857
zack2036@alice.it

Responsabile Slow Food del Presidio
Luca Pessot
Tel. 333 5284634
slowfood.bl@gmail.com

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Alleanza dei cuochi italiani con i Presidi Slow Food Bonaventura Maschio obikà Fabbrica di Pedavena RossoPomodoro Ferrari Formaggi petra
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab