Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food


« Torna alla mappa dei Presìdi

Bottarga di muggine delle donne Imraguen - Presì Slow Food
 

Bottarga di muggine delle donne Imraguen

Mauritania

In Mauritania la piccola pesca è minacciata da un sistema perverso: le flotte industriali – perlopiù straniere – razziano il suo mare ricco e pescoso a discapito delle comunità locali. Nel 2006 la Mauritania ha venduto all’Unione Europea i diritti di pesca in cambio di una riduzione del debito pubblico, rinunciando così alla lotta sull’overfishing e favorendo, di fatto, una nuova forma di colonialismo: i pescherecci industriali assumono e finanziano i pescatori locali e il pesce è surgelato e trasferito altrove per la lavorazione, specialmente in Nordafrica e in Europa. I danni sono enormi: quasi il 50% degli stock di cefalo (o muggine) sono compromessi e le attività di trasformazione del pescato (compresa la produzione di bottarga), praticate tradizionalmente dalle donne Imraguen, sono state abbandonate.
Poche sono le realtà in grado di resistere: l’Ong locale Mauritanie 2000 a fianco di questi gruppi di donne per preservare un savoir faire locale, rafforzare le loro capacità tecniche e migliorare le condizioni igienico-sanitarie. Oggi le produttrici acquistano i muggini dai pescatori, estraggono le uova, le risciacquano, le salano e le fanno essiccare naturalmente, ottenendo la tradizionale bottarga (dall’arabo butarikh, uova di pesca salate). Le donne affiancano a questa produzione la preparazione del tishtar (filetti di muggine essiccati e sminuzzati) e dell’olio di muggine.


Il Presidio comprende tre gruppi di donne in prevalenza imraguen, che lavorano a Nouadhibou e Nouakchott, i principali porti del Paese. Slow Food, in collaborazione con i produttori del Presidio della bottarga di Orbetello (Toscana), ha aiutato le donne Imraguen a migliorare la produzione, gestire la vendita dei trasformati e trovare mercati alternativi. Nel 2006 tre donne sono state ospitate a Orbetello per un corso di formazione e alcuni pescatori si sono recati a Nouadhibou per aiutarle ad attrezzare un piccolo laboratorio. Grazie ai progetti sostenuti dalla Regione Piemonte e dal Comune di Tours, sono state acquistate una macchina per il sottovuoto e una camera refrigerata per la conservazione della bottarga ed è stata realizzata una guida sulle buone pratiche per la trasformazione del cefalo.
Nel 2014 è stato avviato un progetto – in collaborazione con l’associazione francese Univers Sel e l’Ong Mauritanie 2000 finanziato dalla Commissione europea – per creare alcune saline in loco e promuovere la produzione di sale marino di qualità in Mauritania.

Area di produzione
Nouadhibou, Nouakchott

Partner per il progetto
Mauritanie 2000

Partner tecnico
Univers sel, Guérande
280 donne (in prevalenza Imraguen) organizzate in 3 gruppi che collaborano con Ong Mauritanie 2000
Responsabile del Presidio
Nedwa Moctar Nech
tel. + 222 22306973/36306973
nedwa.nech@yahoo.fr

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab