Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food


« Torna alla mappa dei Presìdi

Zucca di Lare - Presì Slow Food
 

Zucca di Lare

Kenya

Il dipartimento di Lare si trova all'estremità orientale della foresta di montagna di Mau, la più vasta dell'Africa orientale, e fa parte degli altopiani aridi della Rift Valley. Qui, negli ultimi anni, le alterazioni nell'andamento delle piogge sono state drammatiche con conseguenze drastiche sulla sicurezza alimentare della regione.
La zucca di Lare è una delle colture più utili per mitigare l'impatto dei cambiamenti climatici: la resa è elevata - sono commestibili sia i frutti sia le foglie - e si adatta bene alle condizioni locali, fornendo un ottimo concime naturale per il suolo. I suoi fiori, inoltre, attirano le api favorendo l'impollinazione delle altre colture. Oggi la produzione di quest'ortaggio è seriamente minacciata dall'introduzione di varietà non autoctone, a crescita rapida e più produttive.
Di dimensioni variabili e forma ovale, la zucca di Lare raggiunge un peso medio che va da tre a cinque chili. La buccia è di colore verde chiaro con striature bianche e la polpa è arancione. Si coltiva nella stagione delle piogge (marzo-aprile) e si raccoglie dopo sei mesi.
Tradizionalmente le zucche erano conservate avvolte nella paglia e sistemate in pozzi scavati nel terreno. Oggi si usano principalmente i granai. I semi sono conservati per la semina dell'anno successivo e per essere scambiati con altri agricoltori.
È un prodotto molto versatile; le sue foglie sono presenti in diversi piatti tradizionali tra cui il kimito, dove sono aggiunte a patate e fave. Grazie alle loro proprietà altamente nutritive, sono usate anche per preparare piatti leggeri per bambini e anziani. Dalla polpa si ottiene una farina che, miscelata a quella di grano, serve per preparare il chapati (un pane molto sottile), il mandazi (una ciambella) e un succo. I semi sono buoni sia tostati sia bolliti e, fatti seccare, possono essere macinati e quindi usati per preparare il porridge e alcuni medicinali.

Il Presidio è nato nel 2009, in seguito a una ricerca sui cibi tradizionali della regione di Molo realizzata da alcuni studenti dell'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche. Riunisce 30 produttori - 8 uomini e 22 donne - associati nella Nganoini Farmer Field School (Scuola agricola di Nganoini), che lavorano insieme in tutte le fasi della produzione: dalla selezione dei semi alla coltivazione fino alla commercializzazione dei prodotti.
Il Presidio intende allestire un laboratorio-cucina per la preparazione di trasformati a base di zucca, foglie e semi, e aiutare i produttori a promuovere e commercializzare i vari prodotti sui mercati locali e nelle mense scolastiche.

Area di produzione
Villaggio di Lare, distretto di Njoro, provincia Rift Valley

Presidio sostenuto da
Stiftung Drittes Millennium





30 produttori, riuniti nella Nganoini Farmer Field School
Referente del Presidio
Jane Gathoni Karanja
tel. +254 715639223
jane_karanja2001@yahoo.com

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab