Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food


« Torna alla mappa dei Presìdi

 

Pollo di Chaam

Olanda

Appartenente alla specie delle galline peeled (maculate), questa razza autoctona europea originaria del nord della Francia e della Germania settentrionale è caratterizzata da macchiette nere (peels) sul piumaggio bianco–argento, eccetto collo e testa, zampe grigio-blu e zona auricolare bianca.
La prima descrizione ufficiale della chaamse hoen (gallina di Chaam) risale al 1911, quando i capi
razzolavano liberamente nelle fattorie sparse attorno alla città di Chaam e nella contea di Breda.
Nel corso del XIX secolo venne promossa una selezione della razza, privilegiando l'attitudine alla produzione di carne, apprezzata sulle tavole degli olandesi benestanti, alle cene di gala nel palazzo reale di Apeldoorn e, secondo documenti del 1881, persino alla corte di Guglielmo III. Il declino inizia dal 1920-1930, quando la chaamse è soppiantata dalla north hollands blau e altre razze più produttive. Nel 2001 non ne rimane che un esiguo numero, ma un gruppo di amici si impegna nel suo recupero, ne acquista ed alleva gli esemplari migliori. In pochi anni viene creatala Fondazione degli Amici del Pollo di Chaam, (che comprende 14 soci tra allevatori, ristoratori, soci di Slow Food), nasce il club Chaamse Hoender (aperto a simpatizzanti e sostenitori della Fondazione) e nel 2008 si raggiungono gli oltre 1000 capi.
I polli e le galline della Fondazione sono allevati allo stato brado, vivono all'aperto tutto l'anno (ogni capo ha a disposizione 8 mq di prato) e vengono alimentati con erba e cereali locali.
I soci della Fondazione impiegano un sistema di identificazione per distinguere la chaam al momento dell'acquisto e fornire al consumatore informazioni come il nome dell'allevatore e della fattoria, la data di nascita e di macellazione; ad ogni capo viene applicato un anello con un numero di serie unico e la dicitura "Chaamse Pel", impiegato eslcusivamente dagli allevatori intorno a Chaam ed iscritti alla Fondazione. La reperibilità sul mercato della carne di chaam è legata alle stagioni: si trova solo da agosto a dicembre presso le macellerie della contea o nei ristoranti locali.

La Fondazione degli Amici del Pollo Chaam è riuscita in pochi anni a ottenere ottimi risultati: i soci hanno redatto un disciplinare di produzione che regola l'alimentazione dei polli, il numero massimo di animali per ogni allevamento, il peso che i capi devono raggiungere per essere macellati e le regole per garantire la tracciabilità del prodotto finito.
Tuttavia, gli allevatori non sono riusciti a riportare alla legalità la pratica della capponatura in fattoria, un tempo largamente diffusa: per ragioni sanitarie, infatti, oggi può essere effettuata solo presso apposite strutture sanitarie a un prezzo insostenibile. La pratica della capponatura non è legata solo a ragioni storiche, ma anche alla qualità organolettica delle carni: i capponi sono infatti più tranquilli dei polli e sviluppano più grasso intramuscolare. Uno degli obiettivi del progetto è dunque quello di trovare una soluzione che permetta alle fattorie di recuperare questa tradizione. Il Presidio, attraverso la Fondazione degli Amici del Pollo Chaam, intende aiutare gli allevatori e i ristoratori a registrare il marchio della razza, a promuoverla e a tutelarla dalle contraffazioni.

Area di produzione
Chaam, Noord Brabant
Per acquistare i polli di Chaam e avere informazioni su allevatori e ristoranti locali:

Fondazione "Vrienden van de Chaamse Pel"
www.chaamsepel.eu

Ulteriori informazioni su:
www.chaamshoen.eu
www.chaamshoenderhof.eu
www.slowfood.nl
Referente del Presidio
Jack en Mariette Rombouts
tel.
+31 652398239
sijm.rombouts@planet.nl

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab