Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
 
 

I Presìdi Slow Food


« Torna alla mappa dei Presìdi

 

Confetture dei villaggi sassoni

Romania

Case basse - con le facciate esagonali blu, azzurre, viola, verdi - disposte in due file parallele lungo un'ampia strada sterrata; dietro la porta di ingresso un'aia acciottolata e, in fondo, il pollaio. Questa è la tipica struttura dei Siebenburgen, i sette borghi della Transilvania, fondati e abitati per otto secoli dai Sassoni. Chiamati in Romania all'inizio del Duecento da Re Geza II d'Ungheria per arginare le scorrerie musulmane, i Sassoni si sono insediati in questo angolo di terra stretto tra i Carpazi e hanno costruito chiese fortificate e coltivato la terra. Nel 1989, con la fine del comunismo, in gran parte sono rientrati in Germania abbandonando tutto. Oggi il territorio dei Siebenburgen è una sorta di paradiso perduto, un pezzo di Medioevo ancora intatto, abitato da rumeni, sassoni, ungheresi e rom. Nei villaggi i telefoni cellulari non funzionano e non ci sono auto: solo carri trainati da cavalli, bambini, vecchi, cani, gatti, branchi di oche e silenzio. La sera arrivano dai pascoli circostanti le vacche che rientrano nelle stalle. Il latte è l'unica risorsa economica del posto. I pochi formaggi prodotti sono freschi e destinati al consumo familiare così come i salumi, le confetture, le composte e le "dulciazia" (frutta sciroppata), fatte con la frutta dei giardini o le bacche selvatiche raccolte nei boschi dei dintorni. Le confetture più interessanti sono quelle di rabarbaro, di frutta selvatica (rosa canina, mirabelle, visciole, fragole di bosco, mirtilli) e di mele e cannella (preparata con la varietà "mere di piele", una mela acidula, di colore grigioverde, che matura tra la fine settembre e l'inizio di ottobre). L'uso della cannella è legato alla tradizione mitteleuropea: questa regione, infatti, faceva parte dell'impero austro-ungarico. Le donne preparano questa straordinaria varietà di confetture per la famiglia, usando tutto quello che offre il frutteto di casa. Le ricette sono semplici: frutta, zucchero, in alcuni casi una piccola aggiunta di pectina naturale (fatta con le mele acerbe) e una cottura a fuoco lento non troppo prolungata.
Nei villaggi sassoni di Tarnava Mare esiste una tradizione antica di produzione di confetture, ma fino al 2005 era destinata al consumo familiare e non esisteva alcuna esperienza di produzione organizzata per la commercializzazione, nemmeno diretta. Il Presidio ha dato una nuova fonte di reddito alla realtà locale che vive di agricoltura e di allevamento. Il progetto è nato grazie alla collaborazione tra Slow Food e la Fondazione Adept che opera in Romania dal 2004 e che ha recentemente aperto un punto informazioni presso uno dei villaggi, dove è possibile trovare in vendita anche i prodotti locali. Un gruppo di donne prepara le confetture per il Presidio confezionandole in barattoli di vetro e vendendole in cesti realizzati a mano da una famiglia del posto. È stato inoltre realizzato un laboratorio a norma che permette alle produttrici del Presidio di lavorare insieme. Da due anni, è nata una cooperativa sociale, la Transylvania Food Company, che riunisce alcune delle produttrici del Presidio e reinveste i propri utili sul territorio.

Area di produzione
Villaggi sassoni, Transilvania

Partner per il progetto:
Adept Foundation, Transylvania Food Company
35 donne dei Siebenburgen, riunite nell'associazione di produttrici di Tarnava Mare

Jim Turnbull (Transylvania Food Company)
tel. +40 740993965
JWTurnbull@bmc-ltd.com
Referenti del Presidio
Ioana Sabina Mihai
ioana@foodevco.com

Jim Turnbull
tel.
+44 1844352385
jwturnbull@bmc-ltd.com

 


 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab