Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
Fondazione Slow Food per la biodiversità ONLUS - la Biodiversità è vita
 
 

Le fasi del progetto


Ottobre 2013
• Dal 1 al 2 ottobre si svolge a Maputo (Mozambico) un incontro di scabio e formazione sull'agroecologia, in collaborazione con Deafal
• il 19 ottobre si svolgono a Gauteng e Città del Capo (Sudafrica) un incontro di scambio e formazione per le condotte e i referenti degli orti

Agosto 2013
• Il 10 agosto a Rumphy (Malawi) nasce la prima condotta in occasione dell'incontro di formazione su Slow Food
• Dal 10 all'11 agosto si svolge a Bafatà (Guinea Bissau) un incontro di scabio e formazione sulla rete Slow Food, partecipano i referenti delle Regioni di Cacheu Nord, Cacheu Sul, Oio, Biombo, Quinara, Tombalì, Bafatà e Bissau.

Maggio 2013
Dal 26 al 30 maggio si svolge in Uganda l'incontro di scambio e formazione sulla rete Slow Food, partecipano i rappresentanti della rete Slow Food dai paesi dell'Africa centrale, orientale e australe

Aprile 2013
Dal 12 al 17 aprile si svolge in Marocco l'incontro di scambio e formazione sulla rete Slow Food, partecipano i rappresentanti della rete Slow Food dall'Africa occidentale e dal Maghreb

Marzo 2013
Nascono gli orti nel campo profughi di Mbera, in Mauritania

Febbraio 2013
Moussa Ouedraogo apre il ristorante Kilomètre Zero nell'orto didattico di Napoko, in Burkina Faso

Dicembre 2012
Si festeggia il Terra Madre Day anche nei mille orti in Africa!

Ottobre 2012
In occasione di Salone del Gusto e Terra Madre 2012 sono arrivati a Torino - nella delegazione africana - anche 108 coordinatori dei
Mille orti in Africa.
Nell'area dedicata all'Africa è stato allestito uno stand, con prodotti vari (legumi, ortaggi, erbe aromatiche), e i coordinatori,a turno,
hanno raccontato il progetto e hanno accompagnato i visitatori nell'adiacente orto africano.

Settembre 2012
• incontro di scambio e formazione a Saqqara (Egitto), organizzata da Sara El Sayed e Aurelia Weintz (coordinatrici nazionali del progetto) - leggi un articolo
• avvio degli orti in Egitto e Tunisia

Agosto 2012
• dal 9 al 10 agosto, a Muaguide, nella regione di Cabo Delgado (Mozambico), è stato organizzato un incontro di formazione sulla gestione
agroecologica degli orti Slow Food e sull'uso dei biopesticidi

Luglio 2012
• dal 10 al 12 luglio nella provincia dell'Eastern Cape (Sudafrica), è stata organizzata una formazione su Slow Food e sulle linee guida del progetto Mille orti in Africa
• il 19 luglio, le organizzazioni Biowatch e Surplus People Project (partner del progetto di Mille orti in Africa, Sudafrica) hanno presentato Slow Food e i progetti della Fondazione Slow Food a 30 nuovi orti e hanno organizzato una formazione sulla gestione agroecologica degli orti

Maggio - Giugno 2012
• dal 7 al 9 maggio, nelle città di Catembe e Maputo (Mozambico), è stato organizzato un incontro di formazione sulla gestione agroecologica degli orti Slow Food, sul compostaggio e sull'uso dei biopesticidi
• traduzione del vademecum in amarico e arabo

Marzo - Aprile 2012
• dal 28 marzo al 6 aprile il presidente internazionale di Slow Food Carlo Petrini ha intrapreso un viaggio in Kenya e Uganda.
Un itinerario che gli ha permesso, non solo di tenere alcune conferenze pubbliche e incontri nelle università dei due Paesi, ma soprattutto di visitare molte realtà locali della rete di Slow Food e Terra Madre: orti, Presìdi, comunità del cibo e alcune delle tante condotte attive in Africa orientale. Durante il viaggio Carlo Petrini ha rilasciato una serie di interviste ai giornalisti delle principali testate dell'Africa orientale, contribuendo a far conoscere la filosofia del movimento attraverso esempi concreti offerti dalle realtà Slow Food locali
• incontro di scambio e formazione a Adjohoun (Benin) tenuta da Emile Houngbo (coordinatore nazionale)
• incontro di scambio e formazione a Arusha (Tanzania) tenuta da Helen Nguya (coordinatrice regionale nel nord della Tanzania)
• incontro di scambio e formazione a Dar Es Salaam (Tanzania) organizzata da Freda Chale (coordinatrice regionale a Dar Es Salaam)
• incontro di scambio e formazione a Teverit (Mauritania), partecipano i coordinatori locali degli orti e la referente egiziana del progetto
• avvio degli orti in Benin 

 


Febbraio 2012

• incontro di scambio e formazione a Mukono (Uganda) sulla gestione agroecologica degli orti per i coordinatori degli orti Slow Food nel Paese, tenuta da Tichafa Makovere (coordinatore del progetto in Etiopia)
• giornata di sensibilizzazione su Slow Food e avvio dell'orto scolastico di Ain Aouda a Rabat (Marocco) - leggi il report
• avvio degli orti in Camerun, Marocco e nella Repubblica Democratica del Congo

Dicembre 2011
• incontro di scambio e formazione a Ouagadougou (Burkina Faso) per i coordinatori degli orti Slow Food nel Paese, organizzata da Sophie Salamata Sedgo e Moussa Ouedraogo (coordinatori nazionali del progetto) - leggi il report
• avvio degli orti in Burkina Faso

Novembre 2011
• incontro di scambio e formazione a Nakuru (Kenya) per i coordinatori degli orti Slow Food nel Paese - leggi il report

Ottobre 2011
• incontro di scambio e formazione a Ntchena Chena (Malawi) per i coordinatori degli orti Slow Food nel Paese, organizzata da Mazoe Gondwe (coordinatrice nazionale del progetto)
• incontro regionale di formazione a Mbour (Senegal), partecipano i coordinatori degli orti dai Paesi francofoni e lusofoni coinvolti nel progetto
• avvio degli orti in Costa d'Avorio, Guinea Bissau, Malawi, Mali, Senegal, Sierra Leone


Settembre 2011

• incontri di scambio e formazione a Karat e Addis Abeba (Etiopia) per i coordinatori degli orti Slow Food nel paese, tenute da Tichaf  a Makovere (coordinatore nazionale del progetto) e Asmelash Dagne (insegnante di scienze naturali) - leggi il report
• incontro di scambio e formazione a Antananarivo (Madagascar) per i coordinatori degli orti Slow Food nel Paese, tenuta da Heritiana Andriamalala (coordinatore nazionale del progetto) e Arisaina Razafindralambo (agronomo) - leggi il report
• incontro di scambio e formazione a Msindo (Tanzania) per i coordinatori degli orti Slow Food nella provincia di Namtumbo, organizzata da Sandra Gasbarri (CO.PE., coordinatrice regionale del progetto nel sud della Tanzania)
• avvio degli orti in Etiopia e Somalia
• traduzione del vademecum in xhosa, zulu e afrikaans
 

Agosto 2011 
•  continuano le visite alle scuole e alle comunità
• incontro di scambio e formazione a Mukono (Uganda) per i coordinatori degli orti Slow Food nel Paese, tenuta da Edward Mukiibi (coordinatore nazionale del progetto Mille orti in Africa) - leggi il report
• incontro di scambio e formazione a Vannrhynsdorp (Sudafrica) sulla gestione integrata delle malattie, gestione dell'acqua e design dell'orto, per i coordinatori degli orti Slow Food delle province Western Cape, Northern Cape e KwaZulu-Natal - leggi il report
• avvio degli orti nelle provincie del Western Cape, Northern Cape e KwaZulu-Natal (Sud Africa) e in Uganda


Giugno - Luglio 2011

• continuano le visite alle scuole e alle comunità
• incontro regionale di formazione a Nakuru (Kenya), partecipano i coordinatori degli orti dai Paesi anglofoni coinvolti nel progetto 
• cerimonia tradizionale per lo scambio delle sementi a Emangeneni (Sudafrica), organizzata da Biowatch
• avvio degli orti in Kenya e Mauritania
• traduzione del vademecum in luganda e swahili

Aprile - Maggio 2011
• i coordinatori nazionali creano un gruppo di lavoro nei rispettivi Paesi 
• in ogni Paese, il gruppo di lavoro visita le comunità e le scuole interessate, per valutare come sviluppare gli orti
• avvio del progetto secondo il piano di attività elaborato dai gruppi di lavoro nazionali
• vengono inaugurati i primi orti in Tanzania
• vengono inaugurati i primi orti in Madagascar

Marzo 2011
• incontro di formazione a Pollenzo (Italia): i coordinatori nazionali discutono il vademecum degli orti e definiscono insieme le fasi successive del progetto


Novembre - Febbraio 2011

• le condotte Slow Food e le comunità di Terra Madre in Africa rispondono all'iniziativa inviando i dettagli delle scuole, delle comunità e delle famiglie che vorrebbero partecipare al progetto
• in ogni Paese le condotte Slow Food scelgono un coordinatore nazionale


Ottobre 2010

• il progetto viene lanciato in occasione di Terra Madre 2010


Inoltre...
• in Uganda è disponibile una versione audio del vademecum in lingue locali - accessibile via telefonino, chiamando una sorta di numero verde che permette di accedere alla registrazione archiviata in un server centrale
• il progetto è stato promosso tramite radio locali in numerosi Paesi


Le informazioni sono aggiornate al 09/01/2014


  Le fasi del progetto Le fasi del progetto Le fasi del progetto Le fasi del progetto Le fasi del progetto  
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab