Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
Fondazione Slow Food per la biodiversità ONLUS - la Biodiversità è vita
 

In Liguria, la pesca è sostenibile


01/09/14
Piccoli e veloci, i cicciarelli sono un pesce tipico della costa ligure nei dintorni di Noli e dal 2002 sono tutelati da un Presidio Slow Food. La loro pesca è sempre stata un'attività di tutta la comunità: per catturarli, almeno cinque o sei pescatori escono in mare con due barche, senza dirigersi troppo al largo. I pesci, infatti, restano vicino alle coste, dove i pescatori li cercano con l'oblò: una barca "sta sul pesce", l'altra lo circonda con la rete, descrivendo una sorta di ferro di cavallo.

 

Oggi, in base alle nuove norme comunitarie in materia di pesca, il cicciarello non può più essere pescato: il divieto non deriva dal depauperamento della specie, ma dall'interdizione di utilizzare la rete a maglie fini. Fortunatamente questo tipo di pesca è stagionale e i pescatori di Noli lavorano tutto l'anno con tecniche e metodi tradizionali anche su altre razze: proprio per questo Slow Food ha deciso di valorizzare l'intera attività, tutelando la pesca artigianale del Golfo di Noli.

 

«Noli è uno dei borghi marinari più antichi della Liguria, - ha spiegato Marco Bazzardi, presidente della Cooperativa Luigi Deferrari che riunisce i pescatori locali - e la pesca da riva ha giocato un ruolo dominante nell'economia locale. La conservazione dei metodi tradizionali di pesca rappresenta una difesa di tutta la piccola pesca del Mediterraneo, una risorsa importante, sia dal punto di vista culturale, che turistico ed economico. La diversificazione degli attrezzi e la loro alternanza durante l'anno consente inoltre un'elevata selettività delle reti e rappresenta un modello di sostenibilità. Vorremmo diventare anche un'opportunità lavorativa per il futuro della zona. Ci sono alcuni giovani tra i pescatori e anche una donna: speriamo le adesioni alla Cooperativa crescano e sviluppino anche nuove attività di pescaturismo». La Cooperativa Luigi Deferrari conta 20 imbarcazioni e ha sede sul Lungomare Marconi. Solo qui, le barche sono ancora in secca sulla spiaggia e i pescatori possono vendere il pesce pescato presso il Mercato dei Pescatori lungo la passeggiata a mare di Noli.

 

Il nuovo Presidio, che ha ottenuto il patrocinio delle amministrazioni comunali di Noli e Bergeggi, sarà presentato il 4 settembre presso il ristorante Il Vescovado di Noli, alle ore 18, nell'ambito della manifestazione Repubblica del gusto, la rassegna enogastronomica organizzata in collaborazione con Slow Food che si terrà dal 5 al 7 settembre sulla passeggiata dei pescatori.

 

«La manifestazione sarà il momento ideale per presentare il Presidio e, più in generale, il progetto di Slow Food», ha spiegato Nadia Repetto, segretaria regionale per Slow Food. «Credo che molti nemmeno immaginino l'impegno e l'energia necessari per far sì che i Presìdi tutelino tradizioni e saperi che altrimenti andrebbero persi. In particolare, per la pesca del golfo di Noli abbiamo scritto un nuovo disciplinare che estende i periodi e i metodi di pesca, oltre che le specie di pesce. Ciò non toglie che speriamo di poter riuscire a riprendere la pesca dei cicciarelli: la norma europea prevede delle deroghe e per questo è in atto una ricerca sperimentale, finanziata dalla Regione Liguria e condotta dall'Università di Genova, per richiedere il permesso alla pesca, così come avviene in Spagna».

 






   
 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab