Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
Fondazione Slow Food per la biodiversità ONLUS - Alleanza tra i cuochi italiani e i Presìdi Slow Food
 
 

A ma Bretagne, Casablanca

Jacques Halbert


Nel 1957 Jacques Halbert, un ostricoltore francese emigrato in Marocco, aprì a due passi dall'oceano il ristorante A ma Bretagne, destinato a divenire uno dei più rinomati di Casablanca. Sessant'anni più tardi, è André, il figlio, a difenderne la solida reputazione.

 

Tra i primi ad aderire al progetto dell'Alleanza tra i cuochi e i Presìdi Slow Food, André Halbert propone un menù che unisce la tradizione culinaria marocchina a quella francese. Il pilaf di cuscus, la pastilla d'anatra, o ancora il filetto d'agnello confit e laccato, servito con una nougatine allo zenzero, sono solo alcune delle ricette elaborate da André: ricette in cui le tecniche della cucina francese sono applicate agli ingredienti tipici del Marocco e i sapori speziati dell'una si mescolano a quelli, più delicati, dell'altra.

 

L'abilità creativa dello chef non è la sola ragione del successo di A ma Bretagne. La qualità degli ingredienti utilizzati, infatti, è senza dubbio la chiave della riuscita dei piatti. André privilegia i prodotti locali, che seleziona con scrupolo e costanza: visita regolarmente i produttori che gli forniscono le materie prime e si reca tutte le mattine al mercato per scegliere personalmente gli ingredienti dei suoi piatti del giorno. André ha portato avanti personalmente una ricerca sulle risorse locali, introducendo così nel suo menù prodotti marocchini fino ad allora assenti dalle carte dei ristoranti di Casablanca, come l'olio di argan o di coriandolo. Grazie a Slow Food inoltre ha potuto scoprire la ricchezza delle semole tradizionali prodotte dalle cooperative di Maroc Taswiq (tra cui la comunità del cibo dei produttori di cuscus di Misdaqia).

 

«Un bravo cuoco deve adattarsi ai prodotti e alla manodopera del posto» dice Dalinda, moglie di André e responsabile di sala. «La ragione per la quale A ma Bretagne esiste da così tanti anni è appunta questa: il cuoco ha saputo adattarsi al contesto, certo senza dimenticare la sua formazione franco-svizzera, ma al contempo senza pretendere di imporre le sue idee al pubblico o ai collaboratori».

 

A ma Bretagne
Sidi Abderrahman, Blv de la Corniche
Casablanca
Marocco
Tel. 212 522362112
Aperto a pranzo e a cena


  A ma Bretagne, Casablanca  
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Alleanza dei cuochi italiani con i Presidi Slow Food
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab